Attività di sede

Conferenza
Giovedì 16 Giugno 2016
Ore 18:00
Sezione Bruzia
I LUOGHI DELLA PREGHIERA
Attività di sede
Domenica 29 Maggio 2016
Ore 18:00
Sezione Bruzia
Corpus Domini
Conferenza
Lunedì 23 Maggio 2016
Ore 18:30
Sezione Bruzia
LA COOPERAZIONE NEL CREDITO
Conferenza
Lunedì 11 Aprile 2016
Ore 18:30
Sezione Bruzia
Lectio del Comm. Prof. ANTONIO D'ELIA
S.Messa
Giovedì 24 Marzo 2016
Ore 18:00
Sezione Bruzia
SANTA MESSA " IN COENA DOMINI "

Risorse in rete...


I Cavalieri e le Dame

I Cavalieri e le Dame sono impegnati a sostenere con azioni pratiche, di cultura e soprattutto di fede le missioni in Terra Santa: ospedali, Chiese, asili, case di assistenza per anziani, l’Università di Betlemme, in unione con le direttive del Gran Magistero e del Patriarcato Latino di Gerusalemme. Essere Cavalieri e Dame del Santo Sepolcro significa vivere in fedeltà e in perpetuo rinnovamento delle promesse cristiane invocando con perseveranza la discesa dello Spirito Santo, ed avendo ad esempio massimo le sofferenze del Cristo morto e risorto. Egli sostiene ed indica la strada, come recita la Preghiera del Cavaliere:

Signore,
per le Tue cinque piaghe
 che portiamo sulle nostre insegne
 noi Ti preghiamo.
 Donaci la forza di amare
 tutti gli esseri del mondo che il Padre Tuo ha creato
 e, più degli altri, i nostri nemici.
 Libera la nostra mente ed il nostro cuore
 dal peccato, dalla parzialità, dall'egoismo e dalla viltà
 per essere degni del Tuo sacrificio.
 Fa' scendere su di noi,
 Cavalieri e Dame del Santo Sepolcro,
il Tuo Spirito
 affinché ci renda convinti e sinceri ambasciatori
di Pace e di Amore fra i nostri fratelli
 e, particolarmente, fra coloro che pensano di non credere in Te.
Donaci la Fede
 per affrontare tutti i dolori della vita quotidiana
 e per meritare un giorno di giungere umilmente
 ma senza timore al Tuo cospetto.
 Amen      


Inno dei Cavalieri del Santo Sepolcro

Inno dei Cavalieri...



Cliccare sulle pagine dello spartito per ingrandirle...



I Cavalieri e le Dame del Santo Sepolcro devono essere cittadini esemplari, e nel privato e nella vita pubblica, aderendo con scelta forte e coraggiosa ai precetti del Magistero Petrino, sull’esempio di importanti predecessori come il Beato Bartolo Longo,  Cavaliere  del Santo Sepolcro e fondatore della Pompei cristiana. Vive nella concretezza di scelte forti -aderire al Vangelo- il significato dell’Ordine. Esso è indirizzato dallo sguardo vigile di Maria, che i Cavalieri e le Dame venerano sotto il titolo di Nostra Signora Regina della Palestina:

O Maria Immacolata,
dolce Regina del cielo e della terra,
noi qui prostrati ai piedi del Tuo trono regale,
pienamente fiduciosi  nella Tua bontà
 e nella Tua illuminata potenza,
 Ti supplichiamo di volgere
 uno sguardo compassionevole sulla Palestina,
 terra che è Tua più di ogni altra,
 perché Tu l'hai abbellita con la Tua nascita,
 con le Tue virtù, con i Tuoi dolori;
questa terra dove Tu hai dato al mondo
il Divino Redentore.  

Ricordati che proprio in questa terra
Dio ti ha scelta nostra Madre
e dispensatrice di grazie.
Veglia sulla Tua patria terrena,
avvolgila di una protezione tutta speciale;
dissipa le tenebre dell'errore là dove ha brillato l'eterno Sole di giustizia.
 Fa che si realizzi presto la promessa
del Tuo Figlio Divino di formare un solo gregge
sotto un solo pastore.

  Degnati infine di ottenere
 per noi tutti la grazia di servire Dio
 in santità e giustizia
tutti i giorni della nostra vita,
 sicché nell'ora della nostra morte,
per meriti di Gesù e per la Tua materna assistenza,
passiamo dalla Gerusalemme terrena a quella celeste.

 Così sia.


Ella, Madre del Redentore e Madre nostra, guarda e sorregge gli sforzi di chi nei Luoghi Santi e nel mondo intero soffre e cerca di essere operatore di pace.
Nostra Signora Regina della Palestina


Galleria Foto

Archivio Documenti

Pubblicato il 04/01/2010
dalla Sezione Bruzia
Vendita Beneficenza Nov.09 (1)
Articolo del Il Quotidiano
Pubblicato il 04/01/2010
dalla Delegazione di Cosenza
Vendita Beneficenza Nov.09 (2)
Vendita di Beneficenza del 21-22 Nov.09
Pubblicato il 04/01/2010
dalla Delegazione di Cosenza
Conferenza Sua Em.za Card.Renato Martino
Conferenza sulla Enciclica Caritas in Veritate